Perché le azioni delle compagnie di crociera sono scese oggi

Cosa è successo

Le azioni delle compagnie di crociera hanno avuto un inizio di settimana difficile dopo che un analista di Wall Street ha ridimensionato le aspettative a causa del rischio di una recessione. Le azioni sono scambiate al ribasso per tutte le principali compagnie di crociera nonostante il mercato azionario sia leggermente aumentato nelle contrattazioni mattutine.

Alle 11:00 ET, Carnival Corporation ( CCL -2,77%) è in calo del 2,9%, Norwegian Cruise Line ( NCLH -2,65%) è in calo del 3% e Royal Caribbean Cruises ( RCL -3,42%) è scesa del 3,5%. Le azioni sono scese rispettivamente del 6,2%, 6% e 6,8%.

E allora

La notizia più importante di oggi è stata l’analista di Stifel Nicolaus Steven Wieczynski che ha abbassato le stime sugli utili e l’obiettivo di prezzo per Carnival. Le aspettative sull’EBITDA rettificato sono scese da $ 103 milioni positivi nel 2022 a $ 244 milioni negativi e, nel 2023, sono scese da $ 5,0 miliardi a $ 4,16 miliardi. Anche l’obiettivo del prezzo delle azioni di Wieczynski è stato ridotto a $ 20 per azione da $ 30.

Non è stato nulla di nuovo a guidare la stima o il cambiamento dell’obiettivo di prezzo, ma la realtà che una recessione è probabile nel prossimo futuro. Il mercato sembra scontare una sorta di rallentamento economico e con le azioni Carnival scambiate tra $ 10 e $ 11, l’idea era di allineare le aspettative alla realtà.

Non sorprende che le azioni relative alle compagnie di crociera abbiano seguito Carnival in ribasso negli scambi di oggi. Carnival è la più grande compagnia di crociere, quindi è naturale che questo farà cadere l’intero settore.

E adesso

È difficile vedere come sia possibile anche la stima dell’EBITDA rettificato per il 2023, dato lo stato attuale del settore crocieristico. Puoi vedere che il debito si è accumulato durante la pandemia e le operazioni non sono ancora arrivate al punto da generare un flusso di cassa positivo.

Grafico del debito totale a lungo termine (trimestrale) di CCL

Dati sul debito totale a lungo termine CCL (trimestrale) di YCharts .

Nonostante il calo del prezzo delle azioni delle compagnie di crociera, è difficile sostenere che ci sia molto valore per gli investitori. Anche in un ambiente ottimista, queste società avranno difficoltà a ripagare il debito e, alla fine, quel debito dovrà essere rifinanziato, probabilmente a un tasso più elevato rispetto a quello ottenuto negli ultimi tre anni.

Non vedo un motivo per entrare nelle azioni delle compagnie di crociera oggi e vedo una continua pressione per il settore. Ma ora, non sarà solo la pressione sulle azioni, ma anche la pressione operativa dell’economia e il calo della spesa con l’aumento dei prezzi. Ciò non mette affatto queste aziende in una posizione di forza, motivo per cui me ne starei lontano.

Le compagnie di crociera devono rispondere a come sopravviveranno prima che gli investitori pensino di poter prosperare in qualsiasi modo.

Source: https://www.fool.com/investing/2022/06/27/why-cruise-line-stocks-dropped-today/